Come il Mont ST Michael

Pubblicato il 14 Marzo 2009 da Blog Admin.
Categorie: Viaggi.

  14/03/2009

Mont Saint Michel, "Meraviglia dell’Occidente", è uno dei principali monumenti di Francia grazie all’originalità del sito e alla bellezza dell’architettura. L’isolotto roccioso, di circa un chilometro di circonferenza, si innalza ad 80 metri d’altezza ed è unito alla Baia da una diga insommergibile costruita nel 1878. Nel XXº secolo Mont Saint Michel continua la tradizione millenaria dell’accoglienza. Nel periodo delle grandi maree, due volte al mese, lo spettacolo del flusso è degno di ammirazione. L’ampiezza delle maree è la più forte d’Europa. Spettacolo affascinante della natura…

(continua…)

Rileggendo Coelho….

Pubblicato il 4 Febbraio 2009 da Blog Admin.
Categorie: Argomenti vari.

 Come dice Gibran "un libro deve procurare le ferite, deve allargarle. Un libro deve essere pericoloso. ."

(continua…)

Piccola goccia di blu

Pubblicato il 9 Ottobre 2008 da Blog Admin.
Categorie: Argomenti vari.
...Piove ...
Piove ma non le sento le gocce non le distinguo..è solo acqua mi scivola addosso
scorre sulla mia pelle, come scorre il tempo senza far danni credo...ILLUSA...
 Corro corro a perdifiato per prendere un treno che ho già perso..
e poi inchiodo così di colpo..resto ferma immobile ..è un attimo
scorgo con la coda dell'occhio l'ombra della mia vita che mi sorpassa ancora una volta,
va oltre mentre  io resto li a guardare..è solo un buffo di vento che mi sfiora..DELUSA..
 Ora diluvia però e come sempre non ho cercato riparo... quante gocce penso..senza ancora
riuscire a sentirle o contarle o poter dar loro una forma un peso..un anima..
sto li occhi al cielo  cerco il vento..CONFUSA..
 Ma  poi arriva e la sento...quella, quell'unica goccia come freccia trafigge il mio sguardo
e brucia..brucia da morire mi costringe a credermi cieca ma io la distinguo chiaramente
ora e fa male ...DISILLUSA...
 Ha smesso di piovere fuori...ma dentro quell'unica goccia di blu
ha scavato,  è divenuta fiume , torrente, mare, oceano ormai  ..

 

   
PICCOLA GOCCIA DI BLU 
smettila di guardarmi così  se no ANNEGO!!
Ma se gli occhi davvero sono lo specchio 
dell'anima tua d'argento, allora resta 
ed io respirerò nel tuo respiro..
   

(continua…)

..solo il sale

Pubblicato il 29 Agosto 2008 da Blog Admin.
Categorie: Argomenti vari.

 

(continua…)

Citazioni da un vecchio film..

Pubblicato il 30 Luglio 2008 da Blog Admin.
Categorie: Cinema.

  

(continua…)

L’estate in cui Eva divenne una donna

Pubblicato il 4 Luglio 2008 da Blog Admin.
Categorie: Argomenti vari.

L‘estate in cui Eva divenne una donna era un estate come tante altre, mare sole ..solita spiaggia solite facce ..unico amore non consumato..

(continua…)

Frammenti di Viola

Pubblicato il 16 Maggio 2008 da Blog Admin.
Categorie: Argomenti vari.

..la luna è uno specchio per Viola, che guarda con occhi grandi occhi da gatta..ancora un tocco  di rimmel ora è ok ora può andare..prendono forma i suoi sogni mentre corre giù per le scale..

(continua…)

Sotto i cieli di Gion 1°

Pubblicato il 15 Aprile 2008 da Blog Admin.
Categorie: Viaggi.
  
Vogliatemi bene, un bene piccolino,  un bene da bambino »  
(Cio Cio San  I atto Madama Butterfly  G.Puccini)
Mi piacerebbe fare un viaggio in Giappone, 
ho sentito dire che a KIOTO all'imbrunire nel quartiere di GION si possono 
vedere le ultime Geiko, MAIKO dai Kimono variopinti o GEISHA vere e proprie

con lo sguardo velato di mistero, mi piace immaginare la loro grazia quasi "ultraterrena"
 nel servire il Tè in una" Hanamaki"....
 

Geisha , è un termine  giapponese composto da 2

Kanji (gei)


che significano "arte" e  (sha) che vuol dire "persona"; la traduzione letterale, 
quindi, del termine geisha in italiano potrebbe essere "artista".
Un altro termine usato in Giappone per indicare le geisha è geiko.
 
Lo scopo di una geisha e' di arrivare a rappresentare la perfetta incarnazione dell'iki,
 canone estatico su cui si basa l'essenza dell'essere giapponese. Per noi occidentali potrebbe 
rappresentare la "grazia" intesa in senso ampio ed estetico.
La geisha studia la parte coinvolgendo tutto il suo essere : la modulazione del respiro,
 la silhouette, le aconciature, l'incedere.
Gli occhi devono assumere un'espressione che evoca la dolcezza lasciando intravvedere 
opportunamente punte di civetteria.  Deve calzare sandali con i piedi rigorosamente nudi ,
 elemento fondamentale di seduzione, anche d'inverno, sovrastati da Kimono poco appariscenti ,
 con colori delicati e intonati alla stagione. Il colletto del kimono deve lasciare scoperta la nuca affinche' appaia la seduzione di una 
breve apertura sull'intimita' del corpo. Il " komata" e' una bella linea sottile sulla parte alta posteriore 
del collo che viene spesso truccata per rispecchiare la figura della zona genitale ; cio' significa per
 la geisha "l'aspirazione alla perfezione della bellezza erotica unita all'arte".
 Una geisha indossa  il kimono tutti i giorni , e' parte della loro arte e della loro professione. Le geisha sono state spesso confuse con le cortigiane di lusso, chiamate oiran.
Come le geisha, queste portano elaborate acconciature e tingono il viso di bianco; 
ma un semplice modo per distinguerle è che le oiran, portano l'obi 
(la cintura a fiocco legata in vita nel kimono) sul davanti, mentre le geisha 
lo portano dietro, a contatto con la schiena.
 Una figura ben distinta dalla geisha è quella della "maiko" ("danzatrice"),,
  giovanissima che studia per divenire geisha. Essa è ben riconoscibile dal kimono molto 
più colorato, con maniche e obi allungato.
Piccoli dettagli, ma ben chiari per chi conosce il codice del kimono.

 

 Il lavoro della geisha è vendere un sogno , fatto di sontuosità, romanticismo, esclusività ,
ai più ricchi e potenti uomini del Giappone.
La cura del corpo e della cultura necessitano di molto denaro. 
Era uso nel passato che una geisha, per stabilirsi, prendesse un "danna," o patrono. Tradizionalmente i
l danna era un uomo ricco, talvolta sposato, che aveva i mezzi per accollarsi le enormi spese di cui il
 lavoro di geisha abbisognava; anche oggi la tradizione del danna è viva, in Giappone, ma solo 
qualche geisha ne sceglie uno.
Anche se succedeva spesso che una geisha ed il suo danna si innamorassero,
il sesso non era richiesto come pagamento per il supporto finanziario che il danna elargiva. 
Le convenzioni e i valori che si celavano dietro questo particolare rapporto sono molto intricate,
 sconosciute ed incomprensibili agli occidentali, come a molti giapponesi stessi.   


La geisha era la donna per eccellenza, un gioiello, una cosa rara da ammirare e apprezzare....>>

 (continua...)

Bellezza ” Crudele”

Pubblicato il 28 Marzo 2008 da Blog Admin.
Categorie: Argomenti vari.
  Bellezza "crudele"  

solo per te..

(continua…)

Ad esempio ..a me piace il SUD..

Pubblicato il 6 Marzo 2008 da Blog Admin.
Categorie: Viaggi.

 …

(continua…)